Struttura

Chi siamoOfficine per lo sviluppo è una organizzazione laica, apartitica, impegnata nel campo della cooperazione internazionale e della promozione dei diritti umani in Italia e in alcuni paesi del “Sud del mondo”. I progetti di cooperazione internazionale e di promozione dei diritti umani di Officine per lo sviluppo Onlus sono basati su un approccio di tipo partecipativo e sono finalizzati alla promozione di dinamiche endogene di auto-sviluppo sostenibile. Officine per lo sviluppo Onlus opera infatti privilegiando un principio di auto sviluppo con un approccio “bottom up”: i beneficiari dei progetti di sviluppo e di intercultura dell’Organizzazione sono, in tutte le fasi, protagonisti degli interventi. L’associazione ha come principio primo quello della cogestione nei momenti decisionali: tutti i progetti promossi ed implementati da Officine per lo sviluppo Onlus si fondano sull’idea della promozione non assistenziale,ma basata sull’ approccio di rete come elemento strategico delle iniziative. L’associazione ha sviluppato nel tempo diversi ambiti di intervento, essendo ormai attiva non solo nell’ambito della Cooperazione internazionale ma anche educazione alla pace e ai diritti umani, intesa come strumento di costruzione di una cultura della solidarietà e della cooperazione. Officine per lo sviluppo Onlus è inoltre impegnata nell’ambito dell’intercultura e della promozione dei diritti degli immigrati in Italia.

Date: Giugno 2012 – Febbraio 2014

Partner del progetto “Village incubator as a Key factor for rural development in Mashera”, finalizzato alla formazione di imprese femminili per la lavorazione del marmo, realizzato in collaborazione con Ipalmo Onlus (capofila del partenariato) e Pro-Sud Ong e finanziato dal Ministero degli Esteri. Nello specifico, la Onlus è stata responsabile delle azioni 6 e 7 (parte italiana) curando le attività di sensibilizzazione e formazione nelle Scuole Medie e Superiori della città di Civitavecchia, Santa Marinella, Tolfa ed Allumiere sulle tematiche del rispetto dei diritti umani e delle pari opportunità nel Sud del mondo. Gli interventi implementati sono stati due: realizzazione di un percorso formativo nel quale i ragazzi sono stati messi in condizione di conoscere le principali violazioni dei diritti delle donne in Africa e Medio Oriente e la realizzazione di un gemellaggio con una Scuola della Provincia di Manshera.

Gennaio 2014 – Dicembre 2014

Realizzazione Progetto “Dalla parte di Aisha” presso i Campi Profughi Saharawi, finalizzato all’eliminazione della dispersione scolastica femminile presso i campi profughi di Tindouf. Oltre alla parte internazionale, il progetto ha previsto anche la realizzazione di attività in Italia e la realizzazione di un gemellaggio tra la Scuola Elementare di Smara (campi profughi Saharawi) e due Scuole Elementari di Civitavecchia.

13 Dicembre 2014

Realizzazione, in collaborazione con diverse associazioni del Comune di Civitavecchia, della Conferenza “Dalla parte delle donne” finalizzata ad analizzare tutti i servizi presenti in città in ambito di parità di genere ed a sottolineare i servizi mancanti da attivare.

Marzo 2015 – Settembre 2015

Realizzazione del Report di Ricerca “Donne immigrate ed inserimento socio-lavorativo nei comuni di Civitavecchia, Santa Marinella, Tolfa ed Allumiere”, ricerca quali-quantitativa finalizzata ad individuare il livello di integrazione della componente femminile della migrazione a livello territoriale e presentata con conferenza finale. Progetto finanziato dalla Fondazione Cariciv.

19 Dicembre 2015

Realizzazione dell’estemporanea di pittura “Il corpo delle donne” con Conferenza-dibattito pomeridiana e proiezione del documentario di Lorella Zanardo, Marco Chindemi e Cesare Cantù.

Febbraio 2016 – Dicembre 2016

Realizzazione del documentario-inchiesta “L’altra faccia della medaglia” finalizzato ad analizzare 4 casi di inserimento positivo di donne immigrate lavoratrici che vivono nel Comune di Civitavecchia e alla realizzazione di un programma televisivo, andato in onda su Mecenate TV, per la positivizzazione dell’immagine delle donne immigrate in contesto locale. Progetto finanziato dall’Otto per Mille della Chiesa Valdese.

Gennaio 2017 – Settembre 2017

Partner del progetto “Se la conosco la evito”, finalizzato alla sensibilizzazione degli studenti delle Scuole Superiori di Civitavecchia sui temi legati alla violenza attraverso la realizzazione di una ricerca quali-quantitativa sulla percezione degli stereotipi e della violenza di genere, l’attuazione di 2 percorsi formativi (per docenti e studenti), la realizzazione di uno spot sulla violenza di genere, la creazione di un laboratorio di analisi multimediale sugli stereotipi di genere presenti nei social network finalizzato a costruire e realizzare uno spettacolo teatrale finale. Progetto realizzato in collaborazione con l’Istituto Calamatta ed il Liceo Classico Padre Alberto Gugliemotti.

Dal maggio 2014 ad oggi

Realizza presso la Casa di Riposo Rosendhal interventi di Stimolazione cognitiva, attività artistiche, ludiche e culturali per gli ospiti della struttura, durante i giorni del martedì e giovedì, avvalendosi di educatori professionali e psicologi.

Da marzo 2019 ad oggi (durata 18 mesi)

Partner del progetto “C’è chi dice no”, intervento finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità e finalizzato alla sensibilizzazione e responsabilizzazione dei ragazzi delle scuole superiori e medie della città di Civitavecchia per combattere costumi, pratiche, stereotipi e comportamenti discriminatori verso le donne che sono alla base della violenza di genere.

officinesviluppo.it © Officine per lo Sviluppo Onlus | Mail: info@officinesviluppo.it | C.F. 97499720585